Biblioteca della Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

--------------------------------------------

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Consultazione e distribuzione

  • L'accesso ai volumi delle sale di consultazione è libero. Gli utenti devono compilare l'apposita scheda e collocarla nello scaffale al posto del volume preso in lettura. I volumi devono essere lasciati sui tavoli al termine della consultazione; la ricollocazione viene svolta dal personale addetto.
  • I periodici correnti vanno consultati al quinto piano: i fascicoli sciolti sono collocati nella Sala periodici, mentre i volumi rilegati degli ultimi cinque anni sono a disposizione nel corridoio antistante.Per la richiesta di annate anteriori e dei periodici chiusi è necessario compilare l'apposito modulo di richiesta e consegnarlo al personale del punto di distribuzione presente al piano.
  • I materiali conservati nei magazzini devono essere richiesti al punto di distribuzione situato al piano terra, presso il servizio di orientamento ed informazioni bibliografiche per il pubblico. Tra questi, i volumi collocati nei magazzini esterni sono messi a disposizione tramite un servizio di navetta attivo due volte alla settimana (martedì e venerdì).
  • I volumi antichi e di pregio possono essere consultati secondo specifiche procedure e con l'assistenza di personale della Biblioteca.

La Biblioteca consente di norma al pubblico la consultazione contemporanea di non più di sei volumi.

Le richieste vengono accettate fino a 30 minuti prima della chiusura della Biblioteca.

Al termine della consultazione, i volumi richiesti dai magazzini vanno riconsegnati al punto di distribuzione oppure possono essere lasciati in deposito per un massimo di quindici giorni, eventualmente rinnovabili. Sono esclusi dal deposito tutti i materiali in consultazione diretta (gli atti parlamentari, le raccolte legislative e i volumi collocati nelle sale).

Gli utenti hanno l'obbligo di trattare tutto il materiale loro affidato con la massima cura e preservarlo da qualsiasi tipo di danneggiamento. Coloro che si rendano colpevoli di sottrazione, di mutilazioni o di danneggiamenti di qualsiasi natura al patrimonio librario saranno esclusi dalla Biblioteca e deferiti all'autorità giudiziaria.

Il prestito è riservato ai parlamentari e ai dipendenti delle amministrazioni della Camera e del Senato.

La Biblioteca ammette al prestito interbibliotecario le biblioteche degli altri organi costituzionali.

Dal febbraio 2007 gli utenti della Biblioteca della Camera possono usufruire anche dei servizi offerti dalla Biblioteca del Senato, nell'ambito del progetto Polo bibliotecario parlamentare.

Vedi anche Distribuzione e consultazione della Biblioteca del Senato