Biblioteca della Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

--------------------------------------------

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

INIZIO CONTENUTO

Presentazione

immagine presentazione biblioteca

La Biblioteca della Camera dei deputati è stata fondata nel 1848 come struttura di supporto del Parlamento subalpino. Nel corso della sua storia, ha costantemente svolto una funzione di raccolta ed elaborazione della documentazione al servizio dell'attività parlamentare ed è progressivamente divenuta una grande biblioteca, con circa un milione e trecentomila volumi, più di duemila periodici correnti, oltre cento banche dati. CONTINUA >>

Primo Piano

  • La Biblioteca è aperta al pubblico su prenotazione

    La Biblioteca della Camera è aperta al pubblico esterno dal lunedì al venerdì, e può accogliere fino a 40 utenti al giorno (divisi in due turni).

    E' possibile:

    • consultare in sede i volumi e le riviste richieste in anticipo, effettuando ulteriori richieste durante la permanenza;

    • lasciare i testi in deposito per i giorni successivi;

    • accedere alle risorse elettroniche via Intranet;

    • riprodurre il materiale bibliografico con propri dispositivi;

    • studiare su volumi personali.

    Per poter svolgere queste attività in sicurezza è necessario prenotare un appuntamento, seguendo le istruzioni allegate.

  • Nilde Iotti: rassegna bibliografica

    In occasione del centenario della nascita, è stata pubblicata la seconda edizione della raccolta "Nilde Iotti: rassegna bibliografica", che elenca i suoi scritti e le pubblicazioni a lei dedicate.

    Consulta la rassegna

  • Fondo Nilde Iotti

    Il patrimonio della Biblioteca si è recentemente arricchito del Fondo Nilde Iotti, pervenuto in dono, costituito da circa 110 volumi di storia, politica e letteratura, insieme a documenti originali di rilevante interesse biografico e storico, quali lettere tra Nilde Iotti e Palmiro Togliatti e il manoscritto originale del "Memoriale di Jalta", insieme a fotografie e cartoline.